privacy

sito

net parade

siti web

mercoledì 27 novembre 2013

SCIE...nziati

Le recenti, tragiche vicende verificatesi in Sardegna, cui mi sono già occupato nel post precedente, non cessano di servire da spunto per lo sciacallaggio dei complottisti. Stavolta mi voglio occupare di un "articolo" (chiamiamolo così, anche se esisterebbero definizioni più adeguate) comparso qua e là su diversi siti, se volete leggerlo in forma completa potete andare qui, il blog di Zac, personaggio che abbiamo già incontrato quando si è parlato di haarp e che, a quanto pare, si ritiene in possesso di profonde conoscenze scientifiche.
Proviamo a vedere e commentare qualche passo di questa poderosa opera. Intanto l'incipit:

MUOS IN SICILIA: ESPERIMENTI MILITARI SEGRETI
COSA ACCADE A CANNETO DI CARONIA IN SICILIA? UNO SCIENZIATO ITALIANO CHE HA INVOCATO L'ANONIMATO PER TIMORE DI RITORSIONI, MI HA SCRITTO CHIEDENDOMI DI PUBBLICARE LE SUE RIFLESSIONI.
Di Gianni Lannes

Dunque in poche righe è riuscito a metterci dentro 
a) il MUOS
b) ESPERIMENTI MILITARI SEGRETI
c) i "fuochi" di Canneto di Caronia

Il tutto a cura di uno scienziato italiano che però ha invocato l'anonimato...
Vediamo cosa dice il nostro "scienziato italiano"

Uno di questi protocolli in fase di sperimentazione è stato (e a volte viene ancora) testato e sperimentato in Italia, e ritengo sia la verità alla base di quello che viene spacciato per un banale sistema di comunicazione satellitare noto come MUOS (che sta per Mobile User Object System). Possiamo chiamarlo con quel nome, o “raggio della morte”, il nome non ha molta importanza: ciò che importa è come funziona.

Curioso, a quanto mi risulta il MUOS non è mai entrato in funzione, si trova in fase di costruzione e poi perché il "raggio della morte" dovrebbe essere sperimentato in Italia? Se si vuol sperimentare un'arma segreta logica vorrebbe che avvenga in un luogo fuori mano, gli USA hanno un bel po' di territorio desertico...Ma continuiamo la lettura:

Secondo alcuni scienziati, l'effetto fisico su cui si basa questo fenomeno era stato ipotizzato dallo stesso Nikola Tesla, il grande genio serbo, che negli anni ’40 sarebbe riuscito anche ad effettuare alcuni esperimenti segreti negli Stati Uniti d’America; alla sua morte il suo lavoro sarebbe stato secretato e solo recentemente i files su questo brevetto sarebbero stati riaperti e gli esperimenti sarebbero ripresi con maggiori potenzialità grazie alle tecnologie di oggi (in particolare, come vedremo, grazie alla diffusione delle comunicazioni satellitari). Anche queste affermazioni di natura storica non ho avuto modo di verificarle, ma sono alquanto verosimili. Passiamo invece alla parte tecnica, sulla quale invece le mie competenze sono maggiori.


Ed ecco che salta fuori Nikola Tesla "il grande genio serbo" che avrebbe effettuato, negli anni '40, alcuni esperimenti segreti. Considerato che Tesla è morto nel 1943 il tempo per effettuare gli esperimenti segreti sarebbe stato poco, negli ultimi anni della sua vita poi (ah sì, visto che da qualche parte ho letto che sarebbe stato eliminato, è morto a 87 anni, di polmonite) era completamente isolato dall'ambiente tecnico-scientifico. Quanto poi al grande genio, credo che ci sarebbe da discuterne, la sua genialità è stata molto gonfiata dagli jugoslavi prima e dai serbi poi, è stato il loro "genio nazionale", un po' come sotto il fascismo Marconi veniva presentato come un genio universale. Lasciamo perdere questo discorso e passiamo a quella "parte tecnica, sulla quale invece le mie competenze sono maggiori":

Alcune particelle pesanti, dette Adroni, vengono accelerate a dismisura da un acceleratore lineare montato su un satellite in orbita, e sparate verso terra.
 Quando urtano con le particelle d'aria della bassa atmosfera (che è più densa), questi adroni danno origine ad un fascio di fotoni. I fotoni, in meccanica quantistica, sono le particelle vettrici del campo elettromagnetico, quindi il risultato è un potentissimo raggio di radiazione elettromagnetica diretto verso terra. Questo raggio non è visibile, ma interagisce con i dispositivi elettrici e/o magnetici che incontra sulla sua strada, provocandone in pochi secondi il surriscaldamento e l'autocombustione, o addirittura l'esplosione.

Come si possa accelerare un fascio di adroni senza un acceleratore lungo, almeno, qualche centinaio di metri  (ricordiamo che l'acceleratore di adroni del CERN di Ginevra è lungo oltre 30 km) e dove venga presa l'energia per l'accelerazione non è dato sapere...ma, come in ogni trattato di scienza fuffonica ecco le due parole magiche meccanica quantistica. Avete mai sentito uno di questi "scienziati" parlare di meccanica dei fluidi o di termodinamica? No, la meccanica quantistica, anzi la fisica quantistica come dicono, è per loro pane & companatico, affrontano le equazioni di Heisenberg  e Scrodinger con il sorriso sulle labbra.
Quanto al "raggio della morte": le riviste di fantascienza degli anni '30 e '40 erano piene di raggi della morte, nonché di astronavi gigantesche che si affrontavano a colpi dei suddetti raggi e di belle astronaute in costume ridotto...
Da qui ad attribuire a famosi inventori la creazione di "raggi della morte" il passo è breve, oltre a Tesla raggi sono stati attribuiti a Marconi, Fermi, Majorana e probabilmente diversi altri, queste invenzioni hanno una cosa in comune: sono tutte sparite, la loro esistenza è affermata da testimoni non molto attendibili.
Concludiamo: torniamo da dove siamo partiti, dallo scienziato italiano che vuole mantenere l'anonimo. Il mio gatto, consultato in merito, ha indagato su miaonet (la rete informatica segreta con cui i felini raccolgono informazioni e si scambiano opinioni) e assicura che lo scienziato in questione potrebbe essere la dott.ssa Ines Istente o il Prof. I.N.Ventato, o che qualcuno si è preso gioco del "giornalista d'inchiesta" passandogli un po' di "informazioni" ottenute cucendo assieme un fritto misto di fuffate varie, il fatto che siano state pubblicate senza controlli la dice lunga sull'attendibilità delle inchieste del "giornalista".
Ah, sì, come potete vedere sopra, il nostro eroe è un tantino permaloso, pazienza verrò messo alla berlina nazionale ed internazionale.


24 commenti:

  1. Bene, una nuova lista di proscrizione.
    Chissà se stavolta ci mettte anche il mio nome?
    Giusto per capire, dall'alto della mia ignoranza... Non sono laureato e a dire il vero ho mollato le superiori in quarta...
    I fotoni perchè dovrebbero essere invisibili? Se si parla di scontri tra particelle che causano la formazione di fotoni (in un certo senso é plausibile, al CERN hanno costruito appositamente l'LHC) questi dovrebbero creare dei brillamenti.
    Inoltre, sempre grazie alla mia ignoranza, mi risulta che solo i raggi laser (fotoni incanalati in un raggio coerente) abbiano una energia tale da creare qualche effetto. Il sole é una sorgente di fotoni immensa, ma non mi sembra di essere morto l'ultima volta che mi sono esposto ai suoi raggi.
    Stavolta ha veramente detto una colossale stupidaggine.
    Ma in fondo sono solo un povero ignorante.
    Ciao.
    Renato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di per se i fotoni, quindi i raggi di luce, sono invisbil. Si riescono a rilevare se vengono diffusi da particelle come la polvere e, ovviamene, si vede illuminato l'oggetto colpito. In questo non dice una cazzata. La cazzata colosale é l'affermazione di un 'accelleratore lineare installato su un satellite, in piú gli accelleratori di particelle in generale generano sottilissimi fasci di particelle che non sono in grado di produrre fasci di potenti radiazioni distruttive ...

      Elimina
    2. Infatti, come ho scritto, si parla di brillamenti. Non ne sono sicuro al 100%, ma se non sbaglio l'impatto dovrebbe emettere radiazioni su diverse lunghezze d'onda, tra cui quelle dello spettro visibile.
      Se ho scritto una boiata, chiedo scusa.
      Renato.

      Elimina
    3. Date le elevate energie degli urti nelle collisioni negli acceleratori di particelle, si tratta essenzialmente di emissioni gamma.

      Elimina
    4. Che dire, accetto la critica di chi ne sa più di me. Sono sempre curioso e ogni dato in più é ben accetto.
      Grazie della spiegazione.
      Ciao.
      Renato

      Elimina
  2. No no, calma. Propaganda a parte, Tesla è stato davvero uno con le contropalle: non viene dato il nome di un personaggio men che fondamentale ad un'unità di misura (Einstein si è dovuto accontentare del nome di un elemento chimico, per dire).
    Il fatto è che aveva anche problemi psichici non indifferenti che si sono aggravati con l'età (non è certo l'unico caso di genio malato di mente, quello più noto per "meriti cinematografici" è Nash): per questo piace tanto a chi soffre di affini tare mentali, cioè i complottisti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesla è stato un grande inventore, tra le altre cose ha inventato il sistema di produzione e distribuzione dell'energia elettrica ancora oggi in uso, inventori sono stati anche Edison e Marconi, ma, in realtà, nessuno di loro può essere definito un grande scienziato, non hanno scoperto leggi della natura o elaborato teorie fondamentali (Marconi provò ad elaborare una teoria sulla propagazione delle onde radio: completamente sbagliata), misero insieme i risultati delle ricerche di altri e ne ricavarono delle importanti ricadute pratiche.
      Quanto alle "stranezze" di Tesla, c'erano e peggiorarono con gli anni, proprio di recente ho letto il libro Lampi" di Jean Echenoz (edizioni Adelphi), biografia romanzata di Tesla che nel romanzo viene chiamato Gregor, in cui si mettono in evidenza i suoi problemi: incapacità di rapportarsi con le donne, timore fobico della sporcizia ecc.
      Di una cosa sono sicuro: se avesse saputo che sarebbe diventato un idolo dei fuffari Nikola invece che dedicarsi all'ingegneria elettrica avrebbe seguito i desideri di sua madre, sarebbe diventato pope della chiesa ortodossa come suo padre e suo nonno...

      Elimina
    2. Tesla peró, a differenza di Edison e Marconi, aveva una cultura accademica anche se non portó a termine gli studi universitari ...

      Elimina
    3. Be' bombarda, mi sembra che tu abbia in mente una definizione di scienziato un po' troppo restrittiva: scienziato è colui che, esperto in un ramo della scienza, usa il metodo scientifico per per fare ricerca.

      Inventori come quelli che hai citato (Tesla, Edison e Marconi) erano a tutti gli effetti scienziati, anche se portati più alle scienze applicate che a quelle teoriche: non per niente li hanno tutti proposti per il Nobel per la fisica, assegnato poi solo Marconi.

      Tu considera che il mondo come lo conosciamo oggi è stato reso possibile grazie a Tesla: corrente elettrica e onde elettromagnetiche possiamo utilizzarle appieno grazie alle basi che ha posto lui praticamente da solo.

      Certo, senza di lui probabilmente ci saremmo arrivati lo stesso grazie a tante piccole invenzioni di mille altre persone comunque valide, ma è proprio questo che fa di lui un genio: ha fatto da solo il lavoro di mille persone brave e in relativamente poco tempo, rivoluzionando di fatto l'uso pratico dell'elettromagnetismo.

      Elimina
  3. cosa devo fare per entrare nella lista di lannes, lo voglio!lo voglio!lo voglio!!!!

    RispondiElimina
  4. Esempio di "berlina nazionale": Fiat Duna. Esempio di "berlina internazionale": BMW 320. Ho capito bene?

    RispondiElimina
  5. Serto che il quaquaraqua gianni IDIOTA lannes, il giornalista che NESSUN GIORNALE AL MONDO, nemmeno quelli del pregiudicato di Arcore vuole è veramente fuori di testa.
    forse un TSO obbligatorio potrebbe aiutarlo.
    Il minus habens lannes è già alla berlina ed esposto al pubblico ludibrio (zret tiè)

    RispondiElimina
  6. Ma dov'è la lista di lannes, che non la trovo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so, forse per ora è ancora allo stadio di minaccia.

      Elimina
    2. Sarà stata allegata insieme a tutte le denunce inoltrate dallo Strakkino.
      Vabbè, "inoltrate"... diciamo "quasi inoltrate"... Cioè "pronte ad essere inoltrate, ma stavolta per davvero"

      (Sai, aspettano di accumularne un numero sufficiente per fare una spedizione unica, perché il corriere gli ha detto che così gli fa un prezzo vantaggioso: viste le condizioni in cui si rtrovano ultimamente, devono cercare di contenere le spese....)

      Elimina
  7. Ma questo "scienziato italiano che ha invocato l'anonimato" viene forse da questa università?

    https://www.youtube.com/watch?v=5ERm7kiiR0o

    RispondiElimina
  8. Un appunto bombarda, l'LHC del CERN é lungo 27 km, non piú di 30 ;)
    Per quanto riguarda il presunto scienziato anonimo mi sembra chiaro che, viste le immani boiate che sostiene, sia uno dei tanti personaggi che ill lannes si inventa di sana pianta sostenendo che gli scrivano, boiate ovviamente ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusassero, errai...in effetti ho sbagliato del 10% la lunghezza dell'LHC.
      Comunque anche 27 km sono un po' tanti per farli entrare in un satellite...a meno che, prima o poi lo tireranno fuori, non ci sia un gigantesco satellite invisibile su cui si nascondono gli illuminati.

      Elimina
  9. Ciao Bombarda, ti ringrazio per l'ottimo sbufalamento e mi scuso per averti fatto perdere tempo. In effetti, non è mai stato necessario:

    http://tagli.me/2013/12/01/la-bufala-del-muos-e-di-canneto-di-caronia-lho-creata-io/

    :-D

    RispondiElimina
  10. Bravo Bombarda, ho seguito su FB la vicenda non appena svelato l'arcano.
    Tignoso e razionale, ti faccio i miei complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per l'apprezzamento, del resto non ci voleva molto per capire che era una bufala...bastava usare un po' quello che tutti abbiamo tra le orecchie!

      Elimina
  11. sei andato a canneto? hai parlato con la gente e i militari?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti sei accorto che l'articolo è basato su una presa per il sedere? Leggiti questo:
      http://indipezzenti.blogspot.it/2013/12/scienziati-figuracce-e-catastrofi.html

      Elimina